Coltivare e produrre rose in Polonia

Coltivare e produrre rose in Polonia.

Il crescente interesse per la rosa come pianta ornamentale di eccezionale valore, visibile in tutto il mondo, ha interessato anche il nostro Paese. Le prime manifestazioni di questo interesse in Polonia risalgono alla seconda metà del XIX secolo, tuttavia, la coltivazione delle rose era concentrata principalmente nei possedimenti dei magnati e in alcuni feudi. A quel tempo, le rose venivano coltivate quasi esclusivamente per uso personale, sulla base delle posizioni di primo piano dell'assortimento dell'Europa occidentale, quindi, prima di tutto, sui lavoratori della ristrutturazione (Rosa hybrida biifera hort.).

Progressi significativi nel campo della divulgazione delle rose nel nostro paese cadono all'inizio del XX secolo. Nascono quindi i primi vivai di rose, che contribuiscono in modo significativo all'introduzione di queste piante nei giardini domestici, e, in quantità sempre più gravi, per il verde pubblico.

In questo periodo inizia a svilupparsi la nostra coltivazione in serra (per lo più in vaso) su scala commerciale nei centri metropolitani.

Nel primo quarto di questo secolo si nota uno sviluppo estremamente dinamico della produzione vivaistica di rose e un aumento della portata della loro applicazione.. All'epoca furono istituiti numerosi asili nido specializzati, realizzato ad alto livello secondo i migliori design europei; questi vivai offrono collezioni di diverse centinaia di varietà, coprendo attualmente le varietà migliori e più efficaci. In quel periodo vengono anche fondate aziende orticole specializzate nella coltivazione progressiva in serra. In questo settore, cerchiamo di raggiungere il resto del mondo.

L'interesse per le rose continua a crescere tra un numero crescente di amanti delle rose, e da parte della gestione del verde comunale, che vede eccezionali valori ornamentali nelle rose da bouquet e utilizza queste piante su larga scala.

Negli ultimi anni prima della seconda guerra mondiale, avevamo già un'ottima produzione vivaistica nel paese, basato su modelli e assortimenti dell'Europa occidentale. L'enorme progresso nel campo della produzione vivaistica e della coltivazione delle rose in terra non è stato accompagnato da un adeguato sviluppo della coltivazione in serra. Questa coltivazione non è stata favorita dall'importante importazione di fiori dall'estero, da paesi di produzione altamente specializzati, e politica dei prezzi, che nel sistema dei rapporti economici dell'epoca non si configurava con successo per il produttore nazionale.

La coltivazione commerciale delle rose copre due direzioni principali: coltivazione in vivaio di rose, cioè la produzione di arbusti, e coltivazione di fiori recisi, in terra e sotto vetro. A questo si possono aggiungere anche colture di frutta, che ha fatto progressi significativi nel nostro paese di recente.