ASSORTIMENTO DI ROSE – VARIETÀ COLTIVATE IN POLONIA

ASSORTIMENTO DI ROSE – VARIETÀ COLTIVATE IN POLONIA

Si può dire senza esagerare, che nessuna delle piante ornamentali era di tale interesse per gli allevatori, come una rosa. Dagli ultimi anni del Settecento, c'erano tante nuove varietà, che oggi sono circa una dozzina di migliaia. In Polonia, l'assortimento di varietà è stato a lungo abbondante e vario, perchè da sempre i nostri vivai producono le migliori e più belle varietà della lista mondiale.

All'inizio di questo secolo, le prime varietà di rose da bouquet - R.. polyantha hort., che, come i restauratori, non sopravvisse troppo a lungo in un'ampia coltivazione. Tuttavia, hanno svolto un ruolo importante, arricchendo la flora dei nostri parchi, nuove aree verdi e giardini, valori decorativi elevati e durevoli. Prima di loro, cosa è stato piantato a casa nostra, per: Clotilde Soupert, Katherine Zeimet, Sig.ra Norbert Levasseur, Or-si appoggia a Rose, Aennchen muller, Ellen Poulsen, La signora Jules Gouchauld; dopo è venuto: Maresciallo Foch, Verdun, Goldlachs, Gloria del mondo. Inoltre, molto spesso si trovava l'allora comune rosa borbonica (R. Dopo borbonico) Memoria di Malmai-son, che è stato di grande pregio soprattutto per le aree verdi pubbliche, essendo quasi 100 anni nella fila delle varietà più pregiate e piantate in massa.

Negli anni '20 furono introdotte nelle aree verdi le prime varietà di ibridi di bouquet (R. polyantha hybrida hort.). Ecco i più importanti: avrebbe potuto, iDistinzione, Dorothy Dix, Elsę Poulsen, Giuseppe ragazzo, Kirsten Poulsen, J. F. Luce del fuoco Muller, Heidekind. Le varietà successive di questa razza includono: Dagmar Spath, D. T. Poulsen, progresso, La signora van Straaten di Nes, Ingar Olsson, Donald Prior, Anne Mette Poulsen, Helgoland, Rouge. Właśnie róże bukietowe tej rasy były w ostatnich latach przed wojną najpospoliciej sadzone na terenach zieleni miejskiej, spostando sempre di più le sue vecchie sorelle a fiorellino.

Negli anni '20 abbiamo assistito anche a una massiccia espansione degli ibridi di tè in Polonia (R. thea hybrida via.) e ibridi Pernet (R. pernetiana hort.). Gli ibridi competono con successo con i restauratori, e anche con le rose del Bengala raramente coltivate (R. chinensis varietà. semperflorens Koehne), feste del tè (R. odorata dolce) e Burbonne furono dominati quasi completamente dalle allora collezioni di rose a fiore grande, portando combinazioni di colori sempre più interessanti, forme più nobili, fioritura più abbondante. Le caratteristiche della selezione delle rose comunemente coltivate negli anni '20 sarebbero incomplete, se le suddette gare dovessero essere ignorate. Per i rimontanti è già il proverbiale "canto del cigno". In media, rappresentano solo circa 10% varietà di selezione. Alle varietà, come detto all'inizio, aprendo la carriera delle rose nel nostro paese a cavallo tra XIX e XX secolo, ce n'erano diverse dozzine, tra le quali spiccano le seguenti:: Capitano Christy, Capitano Hayward, Duchesse di Sutherland, Sig.ra Karl Druschki, Georg Arends, Georg Dickson, Heinrich Munch, Hugh Dickson, Magna Charta, Signori John Laing, Saluti dalla Sassonia, Ulrich Brunner figlio.